Contributi per il ristoro dei danni subiti dai privati ai beni mobili registrati a seguito di eventi meteo 2019-2020

Ricognizione dei danni ai beni mobili registrati

Eventi meteo 2019-2020

La Giunta Regionale, con deliberazione n. 663 del 25 maggio 2021, ha concesso contributi volti al ristoro dei danni subuti dai privati ai beni mobili registrati danneggiati a seguito degli eventi meteo di rilevanza regionale riconosciuti con dichiarazioni dello “Stato di crisi negli anni 2019-2020”.

In riferimento al terrotorio dellla Val di Zoldo, l'evento meteo di interesse è quello disciplianto dal decreto del Presidente della Giunta regionale n. 145 del 13 novembre 2019, relativo agli eventi avversi che hanno avuto luogo dal 12/11/2019.

Il Comune è stato incaricato di raccogliere le domande dei cittadini. Nella sezione  Download è disponibile il Modulo istanza da compilarsi e far pervenire al Comune entro e non oltre le ore 23.59 dell'11 luglio 2021.

Sono ammesse le seguenti modalità di invio:

  • consegna a mano all’ufficio protocollo in piazza G. Angelini n. 1 - sede municipale di Fusine o presso l’ufficio anagrafe/polizia locale di Via Roma n. 26 - sede comunale di Forno;
  • trasmissione via e-mail all’indirizzo: valdizoldo@clz.bl.it;
  • trasmissione via PEC all’indirizzo: comune.valdizoldo.bl@pecveneto.it.

I beneficiari della misura individuati nei soggetti privati, residenti nei Comuni che hanno segnalato danni ai privati alla Protezione Civile e che si trovano nella seguente posizione giuridica:
- il/i proprietario/i del bene mobile registrato distrutto o danneggiato in modo da non poter essere utilizzato.

Il contributo è concesso nella percentuale massima del 50 % del danno, con il limite di Euro 7.747,00.

Condizioni di ammissibilità

I contributi sono concessi esclusivamente a copertura dei costi effettivamente sostenuti, necessari al ripristino dei danni come sopra individuati, che sono una conseguenza diretta degli eventi calamitosi in argomento.
È ammessa la cumulabilità con eventuali ulteriori contributi pubblici o privati o indennizzi assicurativi erogati per la copertura dei medesimi danni. L'importo complessivo erogato non può superare il 100% della spesa sostenuta. Nel caso di supero di detto importo, verrà conseguentemente ridotto il contributo regionale.

Per i dettagli sull'iniziativa si rinvia alla sezione Download dalla quale scaricare la documentazione.