Novità sul blocco di circolazione per le auto straniere

Comunicato del Sindaco

Con la recente entrata in vigore della Legge 120/2020, di conversione del D.l. 76/2020 – c.d. “decreto semplificazioni”, sembra essere cambiato qualcosa per i cittadini che circolano in Italia alla guida di veicoli con targa estera.

Nella  legge di conversione del decreto semplificazioni è stato infatti inserito l’emendamento del P.D.  relativo alla modifica dell’art. 93 del Codice della Strada.

Dopo l’entrata in vigore a ottobre 2018 del Decreto Sicurezza Salvini, l’art. 93 del Codice della Strada prevedeva al comma 1 il divieto a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, di circolare con un veicolo immatricolato all’estero .

Con la conversione del decreto semplificazioni è stato ora inserito all’art. 93 del Codice, accogliendo l’emendamento promosso dal PD, il comma 1 quinquies  il quale prevede “Le disposizioni di cui ai commi 1-bis, 1-ter e 1-quater non si applicano: a) ai residenti nel comune di Campione d'Italia; b) al personale civile e militare dipendente da pubbliche amministrazioni in servizio all'estero, di cui all'articolo 1, comma 9, lettere a) e b), della legge 27ottobre 1988, n. 470; c) ai lavoratori frontalieri, o a quei soggetti residenti in Italia che prestano un'attività di lavoro in favore di un'impresa avente sede in uno Stato confinante o limitrofo, i quali, con il veicolo ivi immatricolato a proprio nome, transitano in Italia per raggiungere il luogo di residenza o per far rientro nella sede di lavoro all'estero.

La modifica lascia comunque spazio a dubbi che richiedono una circolare esplicativa del Ministero dell’Interno. Si parla infatti di soggetti residenti in Italia che prestano un’attività lavorativa per un’impresa avente sede in uno Stato CONFINANTE o LIMITROFO con l’Italia. Per limitrofo si intende uno Stato che a sua volta confini con uno Stato confinante con l’Italia? Facciamo l’esempio che a noi più è vicino, per quanto riguarda l’Austria nulla quaestio; è confinante con l’Italia, ma la Germania che confina con l’Austria è quindi Stato limitrofo?

(Secondo qualche dizionario sembrerebbe essere così, per altri no: limitrofo [li-mì-tro-fo] agg. Di territorio, nazione o stato che confina con un altro SIN confinante sec. XVII)

Se così fosse per i lavoratori stagionali all’estero sarebbe la fine di un incubo durato quasi due anni.

Rimarrebbe comunque parzialmente irrisolta la questione della guida da parte di familiari dell’intestatario del veicolo. La nuova norma di favore prevede infatti che il divieto di circolazione con targa estera non si applichi ai soggetti che lavorano per un’impresa estera che circolano con veicolo immatricolato a proprio nome, ma non dispone nulla per coniugi o familiari, per i quali valgono quindi le solite regole: “veicolo concesso in comodato a un soggetto residente in Italia e legato da un rapporto di lavoro o di collaborazione con un’impresa costituita in un altro Stato membro dell’Unione europea.”