Separazione e divorzio

Nuove disposizioni per separazione e divorzio in alternativa al ricorso al Tribunale

Il Decreto Legge 12 settembre 2014 n. 132, convertito in legge n. 162/2014 ha introdotto significative novità in materia di separazione e divorzio: le coppie che desiderano separarsi, divorziare o modificare le condizioni di separazione o divorzio in alternativa al ricorso in Tribunale potranno optare, a certe condizioni, per una delle seguenti modalità:

1) "convenzione di negoziazione assistita" dall'avvocato ai sensi dell'art. 6 del D.L. n. 132/2014 convertito in legge 162/2014
2) dichiarazione resa innanzi al Sindaco, ufficiale dello Stato civile del luogo di residenza di uno degli sposi o del luogo di iscrizione o trascrizione dell'atto di matrimonio, ai sensi dell'art. 12 del D.L. n. 132/2014.

Entrambe le fattispecie sono applicabili solo in caso di accordo consensuale tra le parti.
La dichiarazione al Sindaco, ufficiale di stato civile inoltre non può essere resa in caso di presenza di figli della coppia: minori, figli maggiorenni incapaci (interdetti, inabilitati o sottoposti ad amministrazione di sostegno) o figli maggiorenni portatori di handicap grave o figli maggiorenni economicamente non autosufficienti; sono inoltre escluse dalla competenza dell'ufficiale di stato civile le dichiarazioni contenenti patti di trasferimento patrimoniale.

L'accordo concluso davanti all'ufficiale di stato civile può invece prevedere l'obbligo del pagamento di una somma di denaro a titolo di assegno periodico, sia nel caso di separazione consensuale (c.d. assegno di mantenimento), sia nel caso di richiesta congiunta di cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio (c.d. assegno divorzile).


Si precisa altresì la legge 6/5/2015 n. 55 ha apportato le seguenti modifiche ai termini previsti dall'art. 3 Legge n. 898/70 per ottenere la cessazione effetti civili del matrimonio religioso o scioglimento del matrimonio civile:
- sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale; tale termine decorre a seconda dei casi dalla data del provvedimento di omologa della separazione consensuale oppure dalla data della dichiarazione di separazione resa innanzi all'ufficiale di stato civile oppure dalla data di conclusione della convenzione di negoziazione assistita dagli avvocati;
- dodici mesi dalla data di comparizione dei coniugi innanzi al Presidente del Tribunale, in caso di separazione giudiziale.

Dove rivolgersi:

Ufficio demografico - Comune Val di Zoldo - sede distaccata di Forno

Via Roma n. 26 - 32012 VAL DI ZOLDO (BL)

tel. 0437 796015 - fax 0437 789101

solo per informazioni: anagrafe.valdizoldo@clz.bl.it